AEcceL
Associazione Adriano Eccel per la fotografia

Associazione AEcceL

2013

  21 maggio 2013                 Luca Chistè


“ LO SPECCHIO IMMAGINARIO ”

inaugurata la rassegna al Forte Superiore di Nago

18 maggio 2013

Adriano_Eccel_Nago__007_K



Alla presenza di un grandissimo pubblico, che in alcuni momenti ha superato le 200 persone, si è inaugurata sabato 18 maggio, presso le meravigliose sale del Forte Superiore di Nago (TN), la rassegna: “Lo specchio immaginario” di Adriano Eccel.
Una rassegna che Adriano attendeva con gioia e per la quale, purtroppo, la vita non gli ha concesso il tempo per vederla allestita.
La commozione, rivedendo tutto il lavoro dello “Specchio immaginario” ricomposto grazie all’impeccabile allestimento di Renato Zuani, è stata fortissima.
Difficile, per chiunque, avendo conosciuto ed apprezzato l’opera di Adriano e le sue profonde doti di onestà intellettuale e genuina passione per la fotografia, essere “lucidi” nell’esprimere un pensiero sulla sua opera.
Pur avendo partecipato e presentato tante rassegne, mai era accaduto di sperimentare, da parte di molti, un’atmosfera così carica di positiva energia e di fortissima integrazione con l’opera d’arte, di sabato scorso.
L’inaugurazione ha portato pubblico, atmosfera, calore, amicizia autentica e senso di condivisione in chiunque è stato presente al Forte Superiore sabato sera.
Non c’è spazio per la retorica. Le emozioni sono autentiche ed importanti e, cosa davvero straordinaria, autenticamente condivise e partecipate.
Un’organizzazione dell’evento, come l’allestimento, anch’essa impeccabile e resa possibile grazie alla professionalità di tutti i membri dell’associazione “Il Fotogramma” di Nago che dimostra, evento dopo evento e stagione dopo stagione, di aver acquisito un ruolo decisivo per la promozione della fotografia d’autore.
Con la compagna Claudia Sartori, i familiari ed i tantissimi amici e tutti coloro che hanno apprezzato l’opera di Adriano, l’Associazione AecceL per la fotografia, con la rassegna di Nago, ha compiuto una prima importante presentazione sullo “Specchio immaginario” e quella parte di lavoro a cui Adriano stava ancora lavorando con grande tenacia. Le opere esposte in rassegna sono 17, a cui deve aggiungersi, catalogata ma non esposta, per questo specifico ciclo di lavori, una diciottesima ed incompiuta opera.
Adriano aveva anche un talento musicale e amava suonare.
A ricordarcelo, una selezione di pezzi musicali che Gabriele de Feo e Roberto Bertocco, in accompagnamento alla serata, hanno eseguito in suo onore, precisando che erano gli stessi brani che, talvolta, suonavano in compagnia di Adriano.
E proprio Adriano, molti di noi ne sono certi, era mescolato insieme al pubblico e alle sue opere, ricordandoci, con l’attenzione che lui aveva per la vita e l’animo umano, quanto effimera sia la nostra storia e quanto importante sia ciò che, attraverso l’opera d’arte, riusciamo a far trapelare della nostra esperienza esistenziale a chi ci sopravvive.
Troppe sarebbero le persone da ringraziare.
Lo facciamo in un solo modo, quello che è più familiare a coloro che hanno conosciuto Adriano: con un grandissimo e forte abbraccio, dentro il quale si cela tutto il nostro più autentico e profondo sentire.

»   ARTICOLO DI RICCARDA TURRINA SUL QUOTIDIANO "ADIGE"

»   VEDI LA GALLERY FOTOGRAFICA DELL'EVENTO



Associazione AEcceL per la fotografia | maggio 2013 ©




  05 maggio 2013                 Luca Chistè


“ LO SPECCHIO IMMAGINARIO ”

ADRIANO ECCEL

| FORTE SUPERIORE DI NAGO |

2013 » 18 maggio | 2 giugno

Invito-web-blog



Una rassegna alla quale Adriano teneva moltissimo e che, ciascuno di noi, sperava potesse inaugurarsi con lui in vita.
Purtroppo non abbiamo fatto in tempo, ma la possibilità di creare un evento importante per ricordare la figura di Adriano Eccel in Trentino è ora una realtà.
L’associazione AEccel, grazie alla partnership con l’associazione culturale “Il fotogramma” di Nago e la collaborazione del Comune di Nago-Torbole proporrà, presso il Forte Superiore di Nago – dal 18 maggio al 2 giugno 2013 – un’importante rassegna sull’ultimo ciclo prodotto dall’eclettico fotografo: “Lo specchio immaginario“. L’inaugurazione dell’evento è prevista per sabato 18 maggio ad ore 18.30.
La versione proposta al Forte Superiore rappresenta l’intero ciclo di quest’opera e, pertanto, può definirsi a tutti gli effetti una rassegna inedita. Peraltro, proprio in vista di questa rassegna, già programmata nel 2013, Adriano Eccel stava lavorando con grande tenacia per definirne struttura e contenuto.
Attraverso la lettura di queste opere sarà possibile stabilire, filologicamente, un’importante connessione con l’intera produzione artistica di Adriano Eccel, il cui pensiero è indissolubilmente legato all’opera pensata e prodotta.

Materiali di consultazione:



»   Scheda di presentazione a cura di Renato Zuani & Riccarda Turrina

»   Invito

»   Brochure di presentazione

»   Gallery della produzione artistica di Adriano Eccel

Luogo e date:


FORTE SUPERIORE DI NAGO [TN]

18 maggio – 2 giugno 2013

Orari:
lunedi h. 15.00 – 18.00
mar-ven h. 15.00 – 22.00
sab-dom 17.00 – 22.00

Inaugurazione sabato 18 maggio ore 18.30####

Associazione AEcceL per la fotografia | maggio 2013 ©




  02 marzo 2013                    Luca Chistè


LE OPERE DI ADRIANO ECCEL IN RASSEGNA
ALLA 4^ EDIZIONE TREVIGNANO FOTOGRAFIA 2013

2013 » 18 maggio | 2 giugno

Trevignano



Inaugura sabato 2 Marzo, alle ore 18.00, presso Villa Onigo, Via Mons. Mazzarolo n. 5 di Trevignano (TV), la 4°edizione di Trevignano Fotografia indetta ed organizzata dal Comune di Trevignano, dall’Assessorato alla Cultura e dalla Proloco.
L'edizione 2013 è dedicata ai “LINGUAGGI ALTERATI”.

Nel salone degli affreschi si possono ammirare i Fotomontaggi del Maestro Licinio Sacconi. L’artista milanese, da quarant’anni, lavora sul rapporto tra pittura, fotografia creativa e fotomontaggio. La sua è un’intensa attività di ricerca che lo spinge ad utilizzare diverse tecniche artistiche. L’autore opera un vero e proprio montaggio e smontaggio della realtà creando mondi altri. Nascono così creazioni fantastiche, surreali che parlano di sogni, di desideri ma anche di incubi e di paure. I primi fotomontaggi erano realizzati in camera oscura e colorati con l’aerografo, oggi crea le sue opere in digitale con l’aiuto del computer. Fondamentale il suo libro, "Fotomontaggio”, pubblicato nel 1979, una ricerca storico-estetica sulla fotografia manipolata. Licinio Sacconi è un artista poliedrico, realizza video e animazioni, ed è un autore instancabile e iper-produttivo, grazie alla sua inesauribile fantasia. Ha esposto in numerose personali e partecipato a diverse collettive in Italia e in Europa. Numerose le pubblicazioni in cataloghi e riviste, in particolare “Il corpo e i suoi simboli”, edito da Mazzotta, un libro davvero rivoluzionario. Tiene corsi e lezioni sull’immagine fotografica in scuole e in convegni nazionali e internazionali.

Nella sala accanto troviamo le immagini fluttuanti della trevisana Nicoletta Baratta, con Frammentata, un’opera in divenire dove si percepisce lo spirito come soffio vitale mai appagato.

Al piano superiore troviamo Codice Duval, l’opera che ha proclamato la grandezza dell’artista trentino Adriano Eccel, purtroppo recentemente scomparso. Il progetto proposto è una sorta di codice dell’anima che tocca la memoria personale e collettiva. Tramite Carol Duval, alter ego di Eccel, possiamo immergerci nel mondo personale di questo poeta dell’immagine e carpirne i suoni dell’anima.

Codice-Duval-02


Una delle immagine del Codice Duval di Adriano Eccel esposte in rassegna a Trevignano

Segue Main Scene di Isabella Bona, di Belluno, attraverso la tecnica digitale l'artista analizza la dimensione estetica e forse estetizzante del dolore.

Sergio Culot, di Gorizia, con Inturbolenze: qui la Natura è protagonista e l’autore sembra inchinarsi ad essa ricercando antiche corrispondenze e nuove mutazioni.

Poi In bilico, una proposta dell’Associazione culturale FATUE, uno dei pochi gruppi fotografici, in Italia e in Europa, tutto al femminile. Per le autrici, Annalisa Ceolin, M.Teresa Crisigiovanni, M.Letizia Gabriele, Luigina Gottardo, Claudia Vanni, Gabriella Veronese, il processo fotografico è innanzitutto di natura esistenziale e l’immagine riprodotta costituisce un mezzo di autoanalisi.

La vicentina Denise Muraro con Dystonia, un’indagine fotografica sull’alterazione della percezione del corpo: ecco il corpo scomposto di ballerine muoversi in contorsioni frammentate.

Poi il progetto Piccoli Mondi Incantati del veneziano Thomas Ortolan, un lavoro raffinato, magico e dolce come lo sanno essere i sogni.

Segue Palazzi di Parole del lecchese Nicolò Quirico, che propone un nuovo modo di osservare la città. Alcuni palazzi edificati in periodi diversi vengono analizzati da una macchina "ecoFotografica". Il progetto "costringe" a guardare gli edifici della città da un nuovo punto di vista: l'eco degli abitanti che li hanno abitati.

Poi Entropia, i ritratti della veneziana Valentina Ruggiero, dove ciò che è reale e riconoscibile si trasforma diventando parte di un processo di estraniamento, di alienazione che rende la bellezza e la perfezione motivo di turbamento.

Segue il lavoro Mind Games di Davide Weber, veneziano ma parigino d’adozione, dialoga con le opere pittoriche dei futuristi abbandonandone la visione positivistica e rivendicando la progressiva perdita di consapevolezza e di progettazione della società contemporanea.

Infine la triestina Lorella Klun con Personal Patterns, una serie di ritratti lowkey in cui i grafismi del passato, attraverso le morbide volute di tappezzerie d’epoca, si intersecano al privato e personale corredo emozionale dei soggetti.

Catalogo in mostra

Ingresso libero

La mostra rimane aperta fino al 24 Marzo 2013

Orari apertura mostra:
sabato: 10,00-12.00 - 16.00-19.30
domenica: 10.00-12.00 – 16.00-19.30
o su appuntamento, ufficio cultura tel.0423-672842

email:   cultura@comune.trevignano.tv.it

Associazione AEcceL per la fotografia | maggio 2013 ©